Era de maggio (Neapolitan Song) for Tenor and String Orchestra and Piano

Neapolitan Song

By: Mario Pasquale Costa
For: Orchestra + solo Tenor
page one of Era de maggio (Neapolitan Song) for Tenor and String Orchestra and Piano

Buy this score now

Era de maggio (Neapolitan Song) for Tenor and String Orchestra and Piano

$5.00

from $1.50

(+ VAT when applicable)

Preview individual parts:

PDF icon

Instant download

You are purchasing high quality sheet music PDF files suitable for printing or viewing on digital devices.
Composer
Mario Pasquale Costa
Year of composition
1885
Arranger
Year of arrangement
2014
Difficulty
Moderate (Grades 4-6)
Duration
5 minutes
Genre
World music and Classical music
License details
For anything not permitted by the above licence then you should contact the publisher first to obtain permission.

Testo (NAP) « Era de maggio e te cadéano 'nzino, a schiocche a schiocche, li ccerase rosse. Fresca era ll'aria, e tutto lu ciardino addurava de rose a ciento passe. Era de maggio; io no, nun mme ne scordo, na canzone cantávemo a doje voce. Cchiù tiempo passa e cchiù mme n'allicordo, fresca era ll'aria e la canzona doce. E diceva: "Core, core! core mio, luntano vaje, tu mme lasse e io conto ll'ore… chisà quanno turnarraje?" Rispunnev'io: "Turnarraggio quanno tornano li rrose. si stu sciore torna a maggio, pure a maggio io stóngo ccá. Si stu sciore torna a maggio, pure a maggio io stóngo ccá." E so' turnato e mo, comm'a 'na vota, cantammo 'nzieme lu mutivo antico; passa lu tiempo e lu munno s'avota, ma 'ammore vero no, nun vota vico. De te, bellezza mia, mme 'nnammuraje, si t'arricuorde, 'nnanze a la funtana: Ll'acqua llá dinto, nun se sécca maje, e ferita d'ammore nun se sana. Nun se sana: ca sanata, si se fosse, gioia mia, 'mmiez'a st'aria 'mbarzamata, a guardarte io nun starría ! E te dico: "Core, core! core mio, turnato io so'. Torna maggio e torna 'ammore: fa' de me chello che vuo'! Torna maggio e torna 'ammore: fa' de me chello che vuo' " » (IT) « Accadde a maggio e cadevano sul tuo grembo a ciocche le ciliege rosse l'aria era fresca, e tutto il giardino profumava di rose che si sentivano da cento passi. Era Maggio, e io no, non me ne dimentico cantavamo, a due voci, una canzonei più passa il tempo e più me ne ricordo, l'aria era fresca e la canzone dolce. E diceva, "Cuore, cuore! cuore mio lontano vai, tu mi lasci e io conto le ore. chi sa quando tornerai?" Rispondevo io "Tornerò quando torneranno le rose. Se questo fiore torna a maggio a maggio pure io sarò qui Se questo fiore torna a maggio a maggio pure io sarò qui" E son tornato, ed ora, come una volta, cantiamo insieme la nostra canzone; passa il tempo e il mondo cambia ma l'amore vero, no, non cambia mai. Di te, bellezza mia, m'innamorai se ti ricordi, dinanzi alla fontana: l'acqua, là dentro, non si secca mai, e ferita d'amore non si sana Non si sana: perché se si fosse sanata (se fosse finita), o mia gioia (mia bella) in mezzo a quest'aria profumata non starei a guardarti! E ti dico: "Cuore, cuore, cuore mio io sono tornato… torna maggio e torna l'amore: fa' di me quello che vuoi! torna maggio e torna l'amore: fa' di me quello che vuoi" »

To purchase this score, please add it to your cart above. To purchase music not currently available on Score Exchange or for extended license requests, please contact the publisher directly.

Reviews of Era de maggio (Neapolitan Song) for Tenor and String Orchestra and Piano

Sorry, there's no reviews of this score yet. Please .